Canapa sativa e suo utilizzo: sapevate che si può indossare?

luglio 8, 2016 1:32 am Pubblicato da Lascia il tuo commento
canapa sativa

Canapa sativa e suo utilizzo: sapevate che si può indossare?

Canapa sativa: di che pianta si tratta?

La canapa sativa è una pianta molto antica e dalle molteplici risorse. È stata la prima fibra ad essere utilizzata dall’uomo e fino alla seconda guerra mondiale una coltivazione diffusa in varie parti del mondo. È stata a lungo sfruttata per tanti usi differenti che si indirizzavano nel settore cosmetico, omeopatico, alimentare e tessile.

La struttura della pianta di canapa permette di ottenere: dai semi, prodotti alimentari e gastronomici con elevate proprietà nutrizionali. Dai fusti della pianta invece si estraggono le fibre vegetali che vengono poi utilizzate per la realizzazione di borse, zaini, portafogli, vestiti e tanto altro ancora.

Il punto di partenza per ottenere la stoffa di canapa si ha dalla parte interna dello stelo della pianta, che ha il compito di trasportare la linfa. Le piante dovranno raggiungere una maturazione che le porterà ad un’altezza di circa quattro metri, così da poter procedere poi con la raccolta. Gli steli a questo punto, verranno tagliati alla base, fatti macerare in acqua e privati della fibra attraverso dei macchinari automatici. Questo è il metodo migliore per ottenere dei tessuti di maggior pregio con il valore aggiunto di un impatto ambientale praticamente nullo.

Possiamo dire quindi, che la canapa è una fibra naturale al 100% riciclabile. Può essere coltivata senza l’utilizzo di pesticidi, con una quantità moderata di acqua e prodotta con tecniche ecocompatibili.

Oltre ad essere biodegradabile ed avere una durata molto lunga, la canapa sativa offre anche molti altri vantaggi. La pianta infatti – e i suoi derivati – tollera bene l’umidità, permette l’isolamento termico in quanto ha una grande capacità di dispersione del calore per cui i tessuti rimangono caldi d’inverno e freschi in estate. Inoltre non attira insetti, acari, muffe e tarme ed è anallergica. Ha una resistenza agli strappi è tre volte maggiore a quella del cotone e tra le fibre naturali è quella che resiste meglio all’usura.

 

Canapa sativa: esempi di utilizzo.

Scegliere prodotti realizzati con la canapa sativa significa scegliere di rispettare l’ambiente e la nostra salute. Il suo utilizzo è stato riscoperto negli ultimi decenni grazie anche ad una presa di coscienza della collettività sugli effetti catastrofici che i prodotti derivanti dal petrolio causano sull’ambiente.

La filiera della canapa non causa danni ecologici né produce rifiuti inquinanti, ma apporta un miglioramento dell’ambiente in cui viene coltivata. È la rappresentazione di uno sviluppo sostenibile volto alla riduzione dell’inquinamento locale e globale.

Gli utilizzi principali che ne vengono fatti possono ricondursi a:

  • Alimentare: Semi di canapa, olio di canapa
  • Bonifica di terreni
  • Produzione di tessuti
  • Produzione di tavole (in sosituzione del legno)
  • Produzione di materiali per la bioedilizia
  • Produzione di mateie plastiche
  • Produzione di combustibili
  • Produzione di carte
  • Produzione di pacciamatura

Guarda alcuni dei nostri prodotti realizzati completamente in canapa!

Agricoltura biologica – Coltivazione di produzione di canapa sativa

 

Terrapura: Cibo biologico a Livorno

“Mangiare biologico e pensare olistico per vivere in armonia con l’ordine naturale delle cose”

Seguici su:

Facebook: http://on.fb.me/1QJDxOK

Youtube: http://bit.ly/24zyo68

Google Plus: http://bit.ly/24zyryX

PInterest: http://bit.ly/1XYHFA6

Negozio online: http://bit.ly/1LThioa

Tag: , , , , , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da terrapura

copyright © 2018 PrestaShop blog by Inveo

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client0/web5/web/modules/psthemeprovider/pkgs/ThemeProviderFree-guard-56.php on line 2467