Skudo Wave: inibitore delle radiazioni emesse dai dispositivi elettronici

Ottobre 5, 2016 6:19 pm Pubblicato da Lascia il tuo commento
Skudo Wave inibitore radiazioni dispositivi elettronici

Skudo Wave: inibitore delle radiazioni emesse dai dispositivi elettronici

Siamo costantemente circondati da dispositivi elettronici: cellulari, elettrodomestici, computer. Come possiamo proteggerci dunque, dalle radiazioni emesse da questi oggetti dai quali non ci separiamo quasi mai?
Da una ricerca italiana arriva un dispositivo che ci consentirà di utilizzare il telefono cellulare in tutta sicurezza evitando potenziali rischi per la salute.
Skudo Wave, grazie alla tecnologia con la quale è trattato, agisce direttamente sulla materia dei dispositivi elettronici sui quali viene applicato, trasferendo agli elettroni dei dispositivi una nuova proprietà fisica che, in modo specifico per il telefono cellulare, riduce l’effetto vibratorio nocivo, generato dal campo elettromagnetico della batteria.
Skudo Wave non interferisce con le prestazioni del telefono cellulare, ma induce una modifica “spintronica” che porta ad ottenere emissioni fotoniche più compatibili con l’organismo umano, con la conseguente diminuzione del rischio di danno biologico.
Il dispositivo ideato da Limardo, candidato nel 2003 al premio Nobel per la fisica, è formato da una piastrina in resina adesiva con nanoprocessore interno e si applica direttamente sul telefono: non indebolisce il segnale dello stesso, non provoca emissioni elettromagnetiche e non interferisce con le prestazioni del cellulare.
Skudo Wave riduce quindi, in modo significativo, l’effetto nocivo indotto dal campo elettromagnetico della batteria, effetto che può provocare il danno biologico della cellula quando il telefono cellulare è a diretto contatto con la testa (contatto oltretutto sconsigliato da molti produttori di telefoni cellulari che all’interno del libretto di istruzioni indicano di mantenere il telefonino ad una certa distanza dal corpo durante l’utilizzo).
Skudo Wave agisce come un filtro di stabilizzazione e non come un sistema per la riduzione dei campi elettromagnetici artificiali perché, altrimenti, il danno provocato dalla batteria sarebbe ancora maggiore. Il telefono cellulare sarebbe costretto a ricercare continuamente nuove celle alle quali agganciarsi, con un aumento conseguente della sollecitazione della batteria e quindi dell’intensità delle onde elettromagnetiche. Diffidiamo quindi dai prodotti che intervengono sulla riduzione delle radiofrequenze perché, oltre al fatto che vanno ad interferire con la funzionalità del telefono stesso, costringono la batteria ad una maggiore attività e il conseguente aumento del campo elettromagnetico generato dall’instabilità degli elettroni.

 

Terrapura: Cibo biologico a Livorno

“Mangiare biologico e pensare olistico per vivere in armonia con l’ordine naturale delle cose”

Seguici su:

Facebook: http://on.fb.me/1QJDxOK

Youtube: http://bit.ly/24zyo68

Google Plus: http://bit.ly/24zyryX

PInterest: http://bit.ly/1XYHFA6

Negozio online: http://bit.ly/1LThioa

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da terrapura

copyright © 2020 PrestaShop blog by Inveo

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in /var/www/clients/client0/web5/web/modules/psthemeprovider/pkgs/ThemeProviderFree-guard-56.php on line 2467